2018 by architetture di identità

All right reserved

A sud-est

Il Val di Noto è la zona sud-est della Sicilia su cui insistono i territori delle provincie di Siracusa, Ragusa e parte delle provincie di Catania e Caltanissetta.

Tra i comuni appartenenti al Val di Noto, quelli di Militello Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo, Ragusa e Scicli sono stati classificati dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità grazie alle bellezze barocche che riempiono le strade dei loro centri storici. Dopo il violento terremoto del 1963, la ricostruzione che interessò queste città avvenne in uno stile tardo barocco in completo equilibrio con le strutture in cui i motivi ornamentali vennero inseriti. Il risultato è un trionfo di urbanistica e di bellezza artistica incorniciata dallo stupendo paesaggio che le circonda. Il Val di Noto da secoli è stato passaggio di popoli e culture diverse le cui tracce sono a tutt’oggi ancora visibili. Greci, Romani, Bizantini, Spagnoli, Arabi e Normanni hanno contribuito ad accrescere la bellezza incantevole e mozzafiato di questa zona. L’intera area è particolarmente ricca di sorgenti d’acqua e di torrenti che attraversano le verdi vallate dove è ancora possibile vedere le cave degli insediamenti preistorici.

La campagna che si estende tutt’attorno è rinomata per le sue delizie locali: i vini sempre più apprezzati anche all’estero, i famosi giardini di limoni e di aranci, i mandorleti, gli ulivi e i carrubi secolari che insistono su un tappeto di fiori selvatici, colorati e divisi fra di loro dai caratteristici muretti a secco. La costa infine è caratterizzata da lunghe spiagge di sabbia finissima e acqua cristallina. C’è un a bellezza pacifica e intramontabile qui, un gioiello raro e prezioso.

Modica è suddivisa in Modica Alta, perticata sul promontorio roccioso, e Modica Bassa annidata in una valle formata da due ruscelli. Il centro storico è un labirinto di vicoli e scalinate vertiginose, con chiese sontuose e palazzi lussuosi che testimoniano lo splendore e l’importanza storica della città in epoche passate. Questo paese, dalle cento chiese e dalle cento campane, rappresenta oggi una delle maggiori espressioni di fine barocco siciliano con l’esempio notevole della Chiesa di San Giorgio.

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle